(ASI) PERUGIA – Sul velluto la Sir Safety Banca di Mantignana Perugia che vince 3-0 (25-20, 25-17, 25-12) contro CMC Ravenna e consolida il terzo posto in classifica toccando quota 42 punti.
Una partita pressoché perfetta per la squadra di Kovac che sorride in vista della partita di sabato prossimo contro Macerata nelle semifinali di Coppa Italia. I numeri di Perugia parlano di pochi errori commessi (8 al servizio) ben compensati da 9 ace, e per mantenere il ritmo, 9 punti anche a muro; aperta la sfida a fare meglio anche in ricezione 67% di positiva e 44% di perfetta. Ravenna non è riuscita a giocare al Pala Evangelisti, forse scarica da un punto di vista emotivo dopo alcune partite giocate ad alti livelli, e messa sotto, si direbbe in gergo, dal servizio dei padroni di casa e incapace di trovare negli attaccanti di palla alta i terminali per fare punto. Scarso il 36% in attacco della squadra, e in particolare mancano i punti di Cebulj (15%) e di Klapwijk (26%). Generosi anche negli errori commessi – 11 in attacco e 8 in battuta – i ravennati lasciano Perugia con le ossa malconce.
Prima dell’inizio ufficiale della gara gli Inguastiti, ultras della Sir Safety, hanno festeggiato il compleanno del capitano Goran Vujevic – 41 candeline per lo schiacciatore serbo-, che li ha ripagati con una prestazione da protagonista su ogni palla giocata. Due ace, 45% in attacco e un muro, 75% di ricezione positiva (50% di perfetta) valgono la palma di migliore in campo, perché a volte non servono le doppie cifre, a volte va premiata la qualità e la classe di un giocatore.
CAPITALI IN CAMPO. Due squadre e due città, Perugia e Ravenna candidate a Capitali Europee della Cultura 2019, hanno scelto lo sport e la pallavolo per promuovere il bello di entrambe. Durante il saluto iniziale le due formazioni si sono scambiate le bandiere con i loghi delle città candidate.
LA CRONACA:
I SET: Avvio neutro della partita con le squadre ancora in fase di studio, ad un primo break della Sir risponde Klapwijk con due punti consecutivi e il momentaneo 3-3. Si continua a giocare sul punto a punto ma Ravenna appare più sprecona in attacco, ma il bilanciere resta stabile fino al 13-13, segnato da Mengozzi in primo tempo. Da lì è un assolo di Perugia, bello il punto del 18-15 con Paolucci attento in fase di muro e copertura, poi Vujevic s’inventa un palleggio millimetrico per Atanasiejevic che deve solo metterci il braccio e la forza. L’opposto di Perugia nel primo parziale fa quel che vuole al servizio realizzando due ace pesanti, uno che vale il set point 24-20. L’ingresso di Mitic in campo nel finale è propizio, e è lui che chiude il set con un muro, 25-20.
II SET: Il +4 iniziale (6-2) è una ‘mazzata’ per Ravenna che da lì non trova le energie giuste per addrizzare la partita che è sempre saldamente nelle mani di Perugia. E’ sulle quelle di Semenzato (4 muri) che la Sir ha costruito la vittoria del parziale, ma non solo, infatti il centrale ha fatto il bello e il cattivo tempo anche in attacco (50% e due punti) ed è con un primo tempo che chiude il punto del 19-14. Bonitta a questo punto ha provato a cambiare qualcosa nella rosa, ma l’ingresso di Kauliakamoa e Koumentakis non hanno sortito l’effetto sperato. L’attacco fuori di Klapwijk (22-15) dice alla Sir che il traguardo è vicino e infatti i Devils chiudono il set, prima con un muro di Buti su Tillie (24-17) e poi grazie un errore dello stesso schiacciatore francese 25-17.
III SET: Replica dei parziali precedenti e avvio folgorante di Perugia, il 7-2 porta la firma si Petric con un ace al servizio e segue poi un’altro punto diretto dai nove metri di Vujevic, un jump flot su cui non arriva Koumentakis (11-5). A metà set Kovac lascia spazio al giovane palleggiatore Mitic che quando può non resiste alla tentazione di un schiacciare un pallone che viaggiava sopra il filo della rete (19-8). Standing ovation anche per Vujevic che lascia il campo a Della Lunga e mentre il punteggio scorre, con Atanasijevic scatenato in prima e seconda linea, Klapwijk sbaglia dai nove metri e ferma il risultato sul 20-9 per Perugia. Nel finale il protagonista è stato Simone Buti che con una combinazione muro, attacco primo tempo, e muro chiude il set e la partita 25-12.

COMMENTI POST PARTITA – Raggiante il tecnico di Perugia Slobodan Kovac: “Bella Sir, bella partita”. Lapidario e preciso, “Sono molto contento – ha detto il coach-, in particolar modo ad una settimana dalla Coppa Italia. I ragazzi hanno risposto bene in campo nonostante la settimana pesante che gli abbiamo fatto passare il palestra”. Un pensiero va subito, e per forza, alla Lube Banca Marche Macerata avversario della Sir Safety nella semifinale di Coppa Italia e Adriano Paolucci, palleggiatore di Perugia, commenta così il prossimo impegno: “Sarà una partita secca in cui giocheremo il tutto per tutto, loro hanno tutto da perdere e noi no, quindi è la condizione migliore per giocare col braccio sciolto. Avremo otto coltelli fra i denti e vedremo cosa ne viene fuori”. Analizzando la partita il regista dei Block Devils dice: “Siamo partiti determinati e soprattutto nella fase di battuta, muro e difesa, poi abbiamo sbagliato poco e gli abbiamo impedito di esprimere il loro gioco”.
La CMC Ravenna non ne aveva più invece, e questo è il giudizio del tecnico degli ospiti Marco Bonitta: “Veniamo da tre partite giocate ad alto livello e avevamo poche energie nervose, non siamo abituati a certi ritmi”. “Loro sono stati molto bravi al servizio – dice ancora il tecnico -, ma non dobbiamo arrenderci visto che abbiamo ancora qualche speranza per i play off”.

NOTE: La Legavolley e i club di Serie A si sono uniti a UNIAMO (Federazione Italiana Malattie Rare) per la VII Giornata delle Malattie Rare nel segno dello slogan “Uniti per un’assistenza migliore”. Per dare risalto all’iniziativa all’inizio di ogni partita sarà letto un annuncio fonico di sensibilizzazione. Inoltre, all’interno dei palasport delle squadre “di casa” della Serie A1 e A2, sarà possibile ritirare opuscoli informativi e gadget dedicati alla manifestazione.

Video Check
III SET (7-4) Chiama Perugia per palla in-out, invertita decisione arbitrale. Punto Perugia (8-3)

Tabellino
SIR SAFETY PERUGIA – CMC RAVENNA 3-0 (25-20, 25-17, 25-12)
SIR SAFETY PERUGIA: Paolucci 1, Atanasijevic 13, Buti 8, Semenzato 7, Petric 16, Vujevic 8, Giovi (L), Mitic 2, Della Corte, Della Lunga NE Barone, Fanuli. All. Kovac.
CMC Ravenna: Toniutti 2, Klapwijk 8, Cester 4, Mengozzi 7, Cebulj 4, Tillie 7, Bari (L), Kauliakamoa, Cricca, Jeziazkov, Koumentakis 3, Patriarca, NE. Scarpi (L) All. Bonitta.
ARBITRI: Cipolla, Boris.
NOTE – durata set: 25′, 23′, 21′; tot: ‘.
CIFRE:
PERUGIA: 8 b.s., 9 ace, 67% ric. pos., 44% ric. prf., 51% att., 9 muri.
RAVENNA: 8 b.s., 1 ace, 42% ric. pos., 26% ric. prf., 36% att., 5 muri.
SPETTATORI: 2.000

Chiara Scardazza – Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.