Domenica alle 18.00 gara durissima per il Perugia Basket: sul parquet del palasport di Brescia i biancorossi affronteranno nella sua “tana” - è proprio il caso di dirlo! - la Leonessa Basket, la corazzata del campionato.
Le rondinelle sono la squadra da battere, così come sentenziato dai massimi esperti del torneo cadetto, che vedono nei bresciani un team forte tecnicamente, composto da giocatori di categoria superiore e con una panchina profondissima.


Nella rosa della squadra lombarda troviamo infatti nomi di spicco, a partire da quel Lorenzo “Lollo” Gergati, playmaker “figlio d’arte” e con un passato importante in Lega A (Varese e Biella), capocannoniere della Leonessa con quasi 15 punti di media a partita su 30 minuti di utilizzo. A seguire sono da evidenziare gli “stranieri”: il talentuoso italo-albanese Bushati (13 punti di media), l’argentino Ghersetti (ala con 11 punti a partita), il serbo (di passaporto italiano) Stojkov e l’altro figlio d’arte Nicholas Crow (10 punti a gara), rampollo di quel Mark Crow, tiratore americano visto principalmente a Rimini e Fabriano qualche lustro fa. Ma non è finita qui: dalla profondissima panchina escono gli esperti lunghi Farioli (ex di Modena, Venezia, Forlì e Soresina) e Rezzano (già a Trieste ed Osimo), nonché la guardia Quadroni (ex Cremona, Cento e Latina) ed il giovane centro Maganza (prodotto di Udine). Come si vede, coach Furlani non ha che l’imbarazzo della scelta, tanto che può tranquillamente far ruotare praticamente tutti i giocatori a referto, garantendosi sempre massima intensità in attacco ed in difesa. Ex dell’incontro il biancorosso Musso, nello scorso campionato proprio a Brescia, che per la prima volta in carriera affronterà una squadra dove ha già militato: l’emozione prenderà il sopravvento o sfornerà una prova super? Perugia dovrà comunque cercare di non farsi travolgere dalla potenza di fuoco delle rondinelle, cercando in primo luogo di far circolare bene la palla per evitare le forzature, ma – soprattutto – evitando di regalare il terzo quarto agli avversari. Stavolta non si riuscirebbe a recuperare. Se la gara si dipanasse su ritmi più controllati, invece – visto anche che siamo all’inizio del torneo e nessuno è ancora a pieno regime – i biancorossi avrebbero qualche possibilità, come ha dimostrato Siena lo scorso sabato, uscita sconfitta di un soffio ai tempi supplementari e con la possibilità di vincere all’ultimo tiro dei primi 40 minuti di gioco. In ogni caso sarà importante non lasciarsi travolgere: l’anno passato proprio dalla sconfitta sul filo di lana con Barcellona (anche qui alla quarta partita del campionato) la Liomatic ha tratto la convinzione di poter dire la sua in un torneo equilibratissimo e difficile come quello di A Dilettanti. Forza ragazzi!

CENTRALE DEL LATTE LEONESSA BASKET BRESCIA:
4 FARIOLI (1977, 202 cm) ala/centro; 5 STOJKOV (1989, 182 cm) play;7 BUSHATI (1985. 194 cm) guardia/ala;8 REZZANO (1982, 203 cm) ala; 11 GERGATI (1984, 190 cm) guardia; 12 GHERSETTI (1981, 201 cm) ala/centro; 13 CROW (1989, 198 cm) ala; 9 Poti (1991, 191 cm) guardia; 10 Quaroni (1979, 193 cm) play/guardia; 14 Maganza (1991, 204 cm) centro; 18 Sarasera (1991, 192 cm) guardia; 19 Vinati (1991, 202 cm) centro; 20 Sartora (1991, 198 cm) ala.

LIOMATIC PERUGIA BASKET:
5 MUSSO (1986, 192 cm) guardia; 6 CAROLDI (1982, 185 cm) play; 7 PAZZI (1979, 203 cm) centro; 13 POLTRONERI (1985, 195 cm) guardia/ala; 19 BONAMENTE (1979, 203 cm) ala/centro; 4 Chiatti (1986, 183 cm) play; 8 Baldi Rossi (1991, 207 cm) centro; 17 Carenza (1988, 201 cm) ala/centro. A completare la rosa: 10 Cutolo (1989 198 cm) guardia/ala; 11 Santantonio (1192, 188 cm) guardia; 12 Giovagnoli (1991, 198 cm) ala; 15 Cornicchia (1991, 180 cm) guardia; 18 Rath (1994, 182 cm) play.