Roma, ore 20.00. La città è deserta e per le strade non si vede una macchina. Traffico bloccato? Un grande evento? No, solamente un derby per il proseguo del cammino in coppa Italia.

In questo mercoledì Roma è in fermento e le tifoserie sono calde, forse troppo. Non sembra un clima da questa coppetta minore, ma situazioni analoghe, le si sono viste in occasione dell’arrivo del Real Madrid o del Chelsea. Tutto questo fa capire quanto legame c’è con il mondo del calcio, anche se questo rapporto, spesso e volentieri, è viscerale e morboso e viene esasperato fino all’indecenza. Il match è stato combattuto, bilanciato e a una Lazio spettacolare, che ci ha provato in tutti i modi, si è contrapposta una Roma più cinica, che ha colpito quando doveva colpire e alla fine si è conquistato il passaggio del turno con la rete di Simplicio del 2 a 1, dopo i due rigori di Hernanes e Borriello. La Roma continua il suo cammino e si ritroverà a incrociare il cantiere aperto Juve per un altro grande match di coppa. Da evidenziare la vittoria ai rigori della Samp sull’Udinese. In questa giornata, c’è però anche il campionato, o meglio un recupero. In scena Inter e Cesena. Nonostante una vittoria sofferta per 3 a 2, l’Inter di Leonardo continua il grande inizio del 2011 con solo vittorie e si porta a meno 6, dalla vetta. L’Inter ha ripreso voglia e gioco, seppur con qualche perplessità difensiva, compensa ciò con la corazzata offensiva e con il carattere ritrovato. Insomma gli spettatori si sono goduti una giornata di grande calcio italiano.

Daniele Corvi - Agenzia Stampa Italia