(ASI) Il tecnico dell’Andria Bat Vincenzo Cosco, prossimo avversario in casa del Frosinone analizza quella che sarà la sfida al Matusa. L’anno scorso subentrò in corsa a Di Meo sulla panchina dei pugliesi e il 4 marzo scorso al Comunale è uscito sconfitto per 1-0 con gol di Cesaretti.

 

Cosco cerca una rivincita contro i canarini, che rispetta molto ma non teme. Anche se si rende conto che quella di domenica sarà una gara  molto difficile.

“Veniamo da due pareggi di fila con la Nocerina in trasferta e in casa con il Pisa, dopo essere stati in vantaggio in entrambe le occasioni. A me i toscani hanno impressionato molto. Però ora dobbiamo concentrarci sulla trasferta in Ciociaria: ci attende un’altra gara difficile contro una squadra forte. Per noi l’avvio di campionato è veramente in salita perché ce la dobbiamo vedere con formazioni blasonate e in grado di vincere il campionato. A cominciare dal Frosinone stesso.

Noi siamo in un momento di crescita sia fisica che psicologica, tra l’altro abbiamo quattro giocatori come Maccan, Lanteri, Malerba e D’Errico in ritardo di preparazione perché sono arrivati nelle ultime ore di mercato. Tutti e quattro contro il Pisa sono partiti dalla panchina e solo Lanterna e D’Errico sono subentrati nel corso della ripresa. Ci vorrà ancora qualche settimana per vedere all’opera l’Andria che voglio io. Intanto di questa squadra mi sta piacendo lo spirito di gruppo e la voglia di combattere. E questo è un dato fondamentale per un torneo duro come la Prima Divisione”.

Vincenzo Cosco da allenatore si è sempre affidato al suo consolidato 4-4-2, anche per non in correre in rischi viste anche le caratteristiche dei suoi giocatori. E contro il Frosinone domenica è intenzionato a confermare il suo modulo di gioco con gli stessi giocatori che hanno giocato con il Pisa, anche se deve valutare sia lo stato di forma degli ultimi arrivati sia le caratteristiche di una squadra come il Frosinone che ha tra le sue fila giocatori che possono decidere la gara in qualsiasi momento. “Mi auguro di restare imbattuto, mi rendo conto che quella che disputeremo al Comunale sarà una gara che non vogliamo ma possiamo vincere. Affronteremo infatti una squadra che avrà il dente avvelenato per come ha perso a Gubbio. Il Frosinone resta la mia favorita quanto meno per centrare i playoff. In organico ha elementi che possono decidere la sfida in qualunque momento magari con una giocata.

Mi riferisco ai vari Carrus, Ganci, Frara e Aurelio, solo per citarne qualcuno. In linea di massima manderò in campo gli stessi che hanno pareggiato con il Pisa, anche se qualche correttivo dovrei operarlo. Soprattutto mi aspetto un ulteriore crescita da parte di alcuni miei giocatori che ritengo fondamentali per il proseguo del campionato”. Il tecnico dei pugliesi per la gara contro il Frosinone dovrà fare a meno del difensore De Giorgi.

Fin qui il tecnico pugliese che ha analizzato la gara di domenica contro i gialloblù guidati da Roberto Stellone. Ma in casa Andria tiene banco anche l’attuale situazione societaria. Situazione in totale fibrillazione. Per i tifosi è una classica partita doppia: da una parte l’aspetto dei risultati e l’attenzione al campionato, dall’altra la contestazione nei confronti della società e al presidente Riccardo Fusiello. In questi giorni proprio il numero uno ha paventato l’ingresso di un socio, si tratterebbe di un imprenditore edile del nord, Francesco Di Pasquale. Questo stato di agitazione non deve ingannare gli avversari, il Frosinone, e pensare ad una squadra in difficoltà o impreparata. Sarebbe un errore gravissimo. L’avvio di inizio campionato per i pugliesi non è stato certo liscio, la trasferta a Nocera (2-2) e la gara casalinga contro il Pisa (1-1), due pareggi. Come detto dalle parole del tecnico Cosco la squadra attualmente ha nelle gambe un ritardo di preparazione. Anche alcuni giocatori arrivati alla fine del calciomercato. Quindi ci vuole ancora tempo e lavoro soprattutto per trovare minuti nelle gambe e la giusta amalgama tra i giocatori.

In vista dell’imminente sfida del Comunale, anche da quello annunciato dal tecnico, che manderà gli stessi uomini che hanno giocato col Pisa, ipotizziamo la formazione dell’Andria, in porta confermato Rossi, linea difensiva da destra a sinistra Scrugli, classe ’92 ultimo arrivato, poi Migliaccio, Zaffagnini e Contessa, in mediana da destra a sinistra con una novità, Comini, Arini, Giorgini e Taormina, in attacco poi Innocenti, per lui un ritorno e il giovane Mascolo.

 

 Davide Caluppi – Agenzia Stampa Italia