Speciale

(ASI) Fra i borghi dell'entroterra ligure di ponente, devastati dalla guerra civile 1943/45,a 26 Km da Sanremo, vi è il paese di Baiardo. Baiardo e dintorni furono teatro di scontri contro i nazifascisti, ma la lotta partigiana si accanì contro alcune famiglie del luogo toccando punte di ancestrale ferocia.

Le basi dislocate nel territorio italiano (ASI) Con questo articolo si conclude il viaggio nelle regioni d’Italia alla scoperta delle basi dello “Zio Tom”. Riprendiamo il nostro cammino dalla Liguria. A Finale Ligure, nel savonese, troviamo una stazione di telecomunicazioni. A La Spezia c’è la base Nato dove fanno scalo le unità navali americane.

Le basi dislocate nel territorio italiano (ASI) Il dato ufficiale dice che le basi statunitensi in Italia ad ora sono 120. Bisogna considerare poi le oltre 20 basi militari segrete, e un numero non certo che riguarda gli insediamenti militari con  presenza di militari USA. Alcune fonti parlano di una sessantina di questi insediamenti. Per le basi segrete si brancola del buio, perché non si sa dove queste siano presenti e se al loro interno abbiano armi o meno. In questa quarta parte del Dossier dedicato alle basi dello “Zio Tom”, faremo un viaggio lungo l’Italia, regione per regione, per vedere dove queste basi si trovino.

(ASI) Riprendiamo la terza parte del nostro cammino sul Dossier delle basi dello “Zio Tom”, dalla posizione giuridica di una base militare in altra nazione e i costi ingenti per mantenere queste strutture.

(ASI) Riprendiamo la seconda parte del Dossier sulle basi dello “Zio Tom” in Italia ripartendo come accennato nella prima parte dal personale presente nelle basi, dai depositi di armi depositati nel sottosuolo italiano con quello che ne può conseguire vista l’altissima pericolosità nucleare, e infine il ruolo strategico che queste installazioni rappresentano.

(ASI) Che l’Italia sia dal 1945 ad oggi nazione sottomessa dallo straniero era ben risaputo. Quanti italiani sanno o conoscono del grande insediamento che hanno messo su nel Bel Paese? Ogni anno gli italiani spendono circa 400 milioni di euro per mantenere ufficiali e soldati dell’esercito statunitense presente nel nostro territorio.

(ASI) "La tratta delle persone è un' attività ignobile,una vergogna per le nostre società che si dicono civilizzate. Sfruttatori e clienti a tutti i livelli dovrebbero fare un serio esame di coscienza davanti a se stessi e davanti a Dio!" Questo quanto dichiarato oggi da Papa Francesco in merito alla tratta e allo sfruttamento di esseri umani, invitando la Comunità internazionale a sviluppare una legislazione che ne tuteli la dignità e contrasti le moderne forme di sfruttamento.

(ASI)“L'Italia deve riacquistare una centralità nella mediazione con i popoli mediorientali”. Feisal Al Mohamad, medico membro del Consiglio Nazionale siriano, non ha dubbi sul ruolo del nostro Paese nel contesto di dialogo con le realtà mediorientali. Lo incontriamo in occasione della presentazione di Hezbollah, tra integrazione politica e lotta armata (M. Bressan, Datanews , 2013) interessante ricerca dello studioso ternano Matteo Bressan sul Partito di Dio.

(ASI) Colpita dalla crudele violenza delle bombe di Boston esplose in mezzo alla folla durante una popolare gara sportiva, ho chiesto lumi sull’origine di un gesto così feroce a Mario Fratti, il drammaturgo di origine aquilana che, vivendo a New York,  ha osservato la società americana ed ha  scritto drammi  che mettono in luce forme di violenza privata e pubblica.

(ASI) Nell’ultimo anno i rapporti tra India e Italia appaiono particolarmente tesi; le difficoltà politiche nel dialogo tra Roma e Nuova Delhi sono sicuramente figlie dello scontro diplomatico in atto tra i due paesi per via della vicenda dei due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, una questione che però ha complicato anche le relazioni economica tra queste due parti.

(ASI) Un giornalista spagnolo, Arcadi Espada, attacca il “Giusto delle Nazioni” padovano Giorgio Perlasca. Secondo l’autore, l’eroe padovano, non esiste, è stato “costruito a tavolino” nel dopoguerra. Ma andiamo con ordine.

(ASI) Il parere dei cittadini è una clausola quasi fondamentale per le iniziative da intraprendere collegialmente. Nel nostro Paese, si è parlato molto di “democrazia diretta”, soprattutto negli ultimi anni. Malgrado ciò, salvo rare eccezioni quali i recenti referendum contro le privatizzazioni di beni pubblici come l’acqua (con tentativi politici di annullamento coatto o aggiramento), la “democrazia diretta” rappresenta ancora un concetto astratto. Politicamente collocabile a sinistra, (sebbene le sue radici siano tutt’altre), essa consisterebbe in una forma di democrazia nella quale i cittadini, in quanto popolo sovrano, siano direttamente legislatori e amministratori della cosa pubblica.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.