(ASI) Roma - "Condanniamo con indegno e preoccupazione l'attentato che si è verificato oggi al Cairo, uccidere i fedeli in preghiera, al di là della loro fede è un'onta per la religione e l'umanità": sono le parole di Foad Aodi, fondatore delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e della Confederazione Internazionale Laica Interreligiosa CILI-Italia che commentano l'attentato del Cairo che ha portato - ad oggi - a 250 morti e 150 feriti.

"Siamo profondamente preoccupati per la destabilizzazione dei Paesi arabi causata dal terrorismo - prosegue - destabilizzazione della quale tutti noi musulmani, cristiani, ebrei o laici siamo vittime. La nostra paura maggiore è che inevitabilmente quei populisti italiani o europei che speculano sul mondo arabo e islamico strumentalizzino il terrorismo per accrescere paura e terrore. Nonostante ciò non cessa il nostro lavoro per la costruzione di ponti di dialogo e di pace". Conclude.
Ufficio Stampa co-mai

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.