(ASI) L’Unione Europea sembra giunta al tramonto, con una ripresa debole e una politica estera caotica e poco incisiva che non è stata capace di attrarre l’Ucraina nella sua sfera di influenza. Inoltre non è riuscita ad impedire la svolta autoritaria in Ungheria e le sue scelte economiche opposte all’Austerity e al pareggio di bilancio, che si sono rivelate vincenti. In questo scenario, che si configura come il periodo più duro attraversato dall’UE, crescono i partiti euroscettici. Sembra paradossale che il paese più colpito dalla crisi, la Grecia, abbia appena cominciato il semestre di presidenza in un momento cruciale che vede come picco le elezioni europee. Il premier Samaras ha affermato che la Grecia non ha più bisogno di finanziamenti ulteriori dalla Troika, l’entità più odiata dai greci a causa dei sacrifici che ha imposto, che comprende BCE, FMI e UE. Come l’Italia, i temi all’ordine del giorno per il governo greco riguardano la disoccupazione, la crescita economica e l’immigrazione.

 

Sul fronte interno, crescono i partiti greci che si oppongono alle politiche europee, prime fra tutte quelle economiche legate all’austerità e alla riduzione della spesa pubblica, in particolare Alba Dorata di estrema destra e i partiti della sinistra estrema, dal Partito Comunista Greco fino a SYRIZA e DIMAR. Ormai ogni Stato dell’Unione Europea ha visto crescere all’interno movimenti euroscettici, un processo che si sta ripetendo dovunque con modalità e risultati diversi da Stato a Stato. Ne è la prova l’esplosione del Movimento 5 stelle, che propone referendum sull’euro e sulla permanenza dell’Italia nell’Unione, l’abolizione del Fiscal Compact e del pareggio di bilancio, l’adozione degli Eurobond grazie ad un fronte comune dei paesi mediterranei e infine l’orientamento degli investimenti per attività di innovazione, di allevamento e agricole al fine di favorire i consumi nazionali interni. Partiti euroscettici sono nati in Germania (Alternativa per la Germania) e Regno Unito (Ukip, guidato da Nigel Farage), a cui si possono aggiungere la Lega Nord, che negli ultimi anni ha accentuato i toni anti-europei, e il Front National di Marine Le Pen, esponente dell’estrema destra francese.

Quale sarà il futuro di questi partiti? Con le elezioni europee potrebbero addirittura fare fronte comune all’interno del Parlamento Europeo, creando una situazione inedita per la politica comunitaria. Una cosa è certa: queste nuove formazioni politiche, nonostante le differenze, condividono e danno voce allo scetticismo verso l’unione Europea, una entità che ha perso la propria forza e la possibilità di rappresentare un “Sogno europeo” da contrapporre al “Sogno americano”, un’entità percepita lontana e di cui si sa molto poco anche a causa delle poche informazioni che vengono trasmesse dai canali di informazione nostrani. Si è voluta creare una Unione Europea senza aver creato precedentemente una coscienza europea, e il risultato è davanti agli occhi di tutti.

Guglielmo Cassiani Ingoni – Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.