(ASI) “Sul tavolo del ministro uscente Di Maio, ci sono ancora 158 crisi aziendali in attesa di risoluzione, che coinvolgono oltre 250mila lavoratori. Ilva, Mercatone Uno, Whirlpool, il futuro di 250mila famiglie è appeso a questa imbarazzante crisi di governo. La realpolitik imporrebbe di salvare i posti di lavoro ma lo stallo politico e istituzionale di queste ore non lo consente. Invece di sbloccarsi, si arricchisce di nuove tensioni.

Siamo dalla parte dei cittadini, delle famiglie, delle imprese, dei risparmiatori che assistono increduli all'avvitarsi di una crisi infinita e faccio un appello al buon senso e alla responsabilità di tutti: invece di parlare di poltrone e incarichi, mettiamo subito tutti al lavoro per far ripartire il Paese. A questo serve il Parlamento”. Lo scrive in una nota Deborah Bergamini, deputata di Forza Italia.