comunetorino(ASI) Su istanza  dell'assessora all'Istruzione della Città di Torino, Antonietta Di Martino, Agenzia Stampa Italia accoglie la richiesta di rettifica di legge e pubblica per intero la dichiarazione dell'amministratrice quale precisazione rispetto all'articolo emanato dalla nota dell'Asociazione Giustizia & Sicurezza dal titolo “Promessa non mantenuta da istituzioni, bambini ancora in pericolo”, diffusa da ASI nella sezione politica nazionale il 20/07/2019. 

Richiesta di Rettifica di Legge. Pubblicazione della nota  dell'assessora all'Istruzione della Città di Torino, Antonietta Di Martino

L’articolo pubblicato dall’Agenzia stampa Asi dal titolo “Promessa non mantenuta da istituzioni, bambini ancora in pericolo”, segnala una presunta “incapacità di tutelare l’incolumità dei più piccoli” e il “fortissimo rischio d’infortuni corso dai bambini quotidianamente”. Tali affermazioni risultano eccessive e non rispondenti alle reali condizioni del nido comunale di via Carutti 10. Infatti, la porzione di giardino posta in prossimità della discesa, che è stata delimitata, non viene mai utilizzata e non è mai stata destinata al gioco dei bambini, ancor prima dunque della segnalazione pervenuta da codesta Associazione il 28 febbraio scorso. Inoltre, trattandosi di bambini in età ricompresa tra sei mesi e 3 anni, il controllo e la vigilanza del personale è costante e attento in ogni momento e le educatrici gestiscono ogni situazione con grande professionalità e alto grado di responsabilità.

La scadenza di fine maggio per il posizionamento della siepe era stata indicata come una possibilità; il servizio Edilizia scolastica ha dovuto rinviare l’intervento per far fronte a priorità emerse in altri edifici. In ogni caso, l’intervento è stato inserito tra le ulteriori opere di manutenzione straordinaria dei cortili approvate dalla Giunta il 18/6/2019, il cui impegno di spesa è stato recentemente approvato con determinazione dirigenziale, esecutiva dal 15 luglio 2019. Non appena saranno completate le verifiche necessarie per la stipulazione del contratto aggiuntivo con la ditta appaltatrice si provvederà alla posa di una siepe oppure, in alternativa, come prospettato dalla scuola, di un parapetto in legno.

Questo Assessorato considera la sicurezza una priorità e provvede, compatibilmente con le risorse finanziarie e umane, agli interventi necessari. Laddove non sia possibile intervenire subito, vengono messe in atto, come prevede la norma, misure compensative in modo da garantire la sicurezza degli allievi e del personale.

Si ritiene che la collaborazione con codesta Associazione sia un valore per l’amministrazione comunale, in quanto ne condivide le finalità di promozione della cultura della sicurezza; collaborazione che però si nutre anche di un rapporto corretto, che comprende la verifica diretta con l’Assessorato dei chiarimenti richiesti, evitando di creare situazioni di allarmismo ingiustificato, a mezzo stampa, quali quella determinatasi con l’articolo in questione.

Si chiede pertanto una pubblicazione integrale di questa lettera nel sito dell’Agenzia stampa Asi, in sede di rettifica di legge.

Confermo la mia disponibilità nei confronti dell’Associazione per ogni ulteriore chiarimento o forma di collaborazione.

Distinti saluti

Antonietta Di Martino

Assessora all'Istruzione della Città di Torino

 

 

*Nota ASI  

Articolo del 20/07/2019 del quale ci è stata richiesta di rettifica di legge

http://www.agenziastampaitalia.it/politica/politica-nazionale/46201-torino-giustizia-sicurezza-promessa-non-mantenuta-da-istituzioni-bambini-ancora-in-pericolo

 

 

 

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.