Mario Oliverio copy(ASI) "L’approssimazione della maggioranza giallo verde su una questione decisiva quale la commercializzazione dei prodotti agroalimentari a filiera corta è devastante. E fa sorgere molti sospetti. Di fatto si blocca la nuova frontiera dell’agroalimentare italiano, che si nutre della fiducia del consumatore verso i prodotti che provengono direttamente dai campi o sono coltivati e lavorati in prossimità dei luoghi di vendita. La definizione di una normativa-quadro richiederebbe uno studio accurato e concordato con i soggetti legittimati a svolgere la vendita, sui prodotti che possono realmente fregiarsi della dizione “chilometro zero”; sul’effettiva valenza ambientale legata al risparmio di C02 nel trasporto; sul sistema di tracciabilità di detti prodotti a garanzia del consumatore, nonché sull’impianto di controllo e sanzionatorio che doveva presiedere alla creazione di una nuova filiera certificata.

Nulla di tutto ciò, purtroppo, si ritrova nel testo, solo definizioni confuse che poco hanno a vedere con quanto si vuole disciplinare. Si parla di chilometro zero o utile come se fossero la stessa cosa; si mettono sul medesimo piano i prodotti agricoli e quelli alimentari industriali, senza limitare la tutela a quelli trasformati in azienda. Si istituiscono i “loghi”, senza dare alcuna indicazione sulle caratteristiche e sul sistema di tracciabilità e di controllo. Per di più tutto viene rinviato ad un decreto, configurando l’intervento legislativo come una mera scatola vuota, una delle tante che caratterizzano questa legislatura. Le sanzioni sono imprecise e non coprono l’intero arco delle fattispecie ipotizzabili, la cui configurazione viene lasciata, in modo illegittimo, a quanto sarà previsto in un decreto ministeriale.
Si introducono i prodotti della pesca e dell’acquacoltura, equiparando i due settori, da sempre trattati separatamente, e oggetto, comunque, di normative a se stanti. Nessuna risorsa finanziaria viene stanziata, a dispetto delle finalità dell’intervento normativo che parla di valorizzazione e promozione dei prodotti a filiera corta. Un provvedimento affrettato, mandato avanti con il solo intento di intestarsi un risultato, a dispetto di tutti i pareri delle organizzazioni di settore che si sono trovate unanimemente d’accordo nel bocciare l’intervento che era stato loro sottoposto.
Nel caso della filiera corta la manina non avrebbe potuto e dovuto in alcun modo esercitarsi, perché non c’era niente da tagliare. Doveva solo aggiungere  contenuti ad una legge che così è  priva di ogni senso. Rimane un dubbio: non sarà che dietro questa scelta si sta strizzando l'occhio a qualche multinazionale o a qualche altro gigante in danno della qualità dei nostri produttori e dei consumatori stessi?". Dichiarazione di Nicodemo Oliverio, responsabile agricoltura del PD.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2018 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.