tiboni11 copy(ASI) "Da esponente di partito a cui stanno a Cuore i valori dell’Etica e dell’Onestà, non posso sottacere su quanto è accaduto politicamente nel 2008, un passaggio mparlamentare che rilevo fondamentale per la sicurezza degli italiani, che come accade spesso passa inosservato agli occhi di buona parte degli stessi.

Stiamo parlando del IV governo Berlusconi, che, appena insediato di fatto  per cancella la riforma sulle concessioni autostradali. L’emendamento, subito battezzato, come 'salva Benetton', modificò le norme ed approvò, per 'legge', tutte le nuove convenzioni già sottoscritte tra  Anas e concessionarie. In sintesi se prima si obbligavano, i Benetton, gestori privati delle autostrade a legare gli aumenti dei pedaggi agli interventi di ammodernamento e manutenzione, il governo Berlusconi, grazie anche al voto della Lega e di Salvini (come  riportato in data odierna dal quotidiano Il Fatto Quotidiano) cancella questa impostazione. In questo modo gli utili dei pedaggi non dovevano più essere spesi per la messa in sicurezza. Ora è chiaro perché durante l’intervista sul ponte di Genova, Salvini ha sviato la domanda parlando dei migranti, come è chiaro che portato alla luce questo gravissimo atto politico, Salvini si sia preoccupato di attribuire la responsabilità a chi non ha vigilato. Ciò è vero, però non possiamo altro che esprimere il nostro più ampio dissenso nei confronti di un Ministro che si professa rinnovatore del Paese nello slogan 'prima gli Italiani' ma che, di fatto, nel 2008  contribui a fare apporovare l'emendemento che fu definito proprio 'salva Benetton', un atto  politico che non può passare inosservato. Il nostro pensiero non può oggi che non andare ai familiari delle vittime di Genova". E' quanto dichiara in una nota il Leader del Movimento Italia nel Cuore, Mauro Tiboni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

* Nota, ASI precisa: la pubblicazione di un articolo in tutte le sezioni del giornale  non ne significa necessariamente la condivisione dei contenuti. Essi - è bene ribadirlo -  rappresentano pareri, interprestazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, la responsabilità sono dell'autore  delle dichiarazioni  e/o  di chi  ci ha fornito il contenuto.  Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.

 

 

 

 

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2018 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.