''Le truppe congolesi stanno stuprando, uccidendo e saccheggiando i civili nella stessa area dell'est della Repubblica democratica del Congo dove questi poveretti hanno subito le violenze dei miliziani tra la fine di luglio e i primi di agosto, ben piu' di 300 persone''. Lo denuncia in una nota il vicepresidente della commissione diritti umani del Senato, sen. Lorenzo Bodega il quale ricorda che queste truppe sono state inviate dal Presidente congolese Joseph Kabila in quanto ordinò una moratoria sulle operazioni minerarie in corso nell'area e inviò migliaia di soldati per ristabilire il controllo del governo nella zona. ''Ma l'esercito congolese - aggiunge Bodega - sta facendo peggio dei miliziani e delle forze di liberazione del sud Ruanda. E' una cosa raccapricciante che queste popolazioni sono piu' di due anni che subiscono violenze inaudite, ormai da parte di tutte le forze in campo. Bene ha fatto la responsabile Onu contro le violenze sessuali in zone di conflitto, Margot Wallstrom, che ha riferito al Consiglio di Sicurezza''.