spagna(ASI) "Disposta a bloccare il nuovo strumento se non contiene misure stabilizzanti. Calviño rifiuta di accettare un meccanismo ripetitivo o che richiede condizionalità in cambio di aiuto durante uno shock.

Meglio niente che qualcosa di brutto, perverso e ripetitivo. Non è consuetudine che la Spagna punti alle posizioni più rigide in un negoziato europeo. È sempre a favore del consenso, della comprensione, di un minimo su cui lavorare. Ha ceduto ripetutamente per anni, anche in cose molto delicate. Ma questa volta, almeno sulla carta, ha detto basta. Se questo giovedì* l'Eurogruppo cerca di distorcere, diluire e espropriare la natura anticiclica e stabilizzatrice dello strumento di bilancio che è sul tavolo da mesi, Nadia Calviño sarà ben ferma. 'Abbiamo fatto sapere ai nostri partner che preferiamo non autorizzare uno strumento, se esso esiste solo per premiare in cambio di riforme strutturali; quello che vogliamo è qualcosa di diverso", spiegano le fonti del Ministero dell'Economia.

La discussione viene da molto lontano. I ministri dell'Economia e delle finanze dell'UE si incontrano questo giovedì e venerdì a Bruxelles con un'agenda dei lavori ricca e complessa, come da tempo non accadeva. Parleranno dello stato dell'eurozona con Christine Lagarde, amministratore delegato del Fondo Monetario Internazionale. Ci sarà una discussione tematica sulla disuguaglianza con un esperto della London School of Economics. Parleranno dell'EDIS maltrattato, del fondo di garanzia dei depositi che si trova in respirazione assistita e un gruppo di lavoro di alto livello cerca di rianimare. E del mutamento del Trattato Mede, il meccanismo di salvataggio creato per le crisi peggiori e che sta per essere riformato aumentando di peso nell'organigramma della comunità. Ma parleranno soprattutto dell'atteso e controverso strumento di bilancio che i governi hanno cercato di delineare per mesi.

Lo scorso dicembre, i capi di Stato e di governo, anche se dopo un anno di litigi dei suoi ministri, ha dato mandato piuttosto vago per lanciare uno strumento che sia l'embrione di un eventuale bilancio della stessa eurozona. Quel giorno è iniziato il lavoro tecnico, ma con posizioni molto conflittuali. La Spagna, con altri paesi, vuole un vero meccanismo anticiclico, qualcosa che possa sostenere un paese in difficoltà durante uno "shock". La prima cosa che cede, quando arrivano i problemi, sono gli investimenti pubblici, e questo influenza più fortemente il gioco in cui è più necessario mantenere la crescita potenziale. E trascina con sé il resto dell'economia, con conseguenze brutali per i conti, come si è visto in Spagna o in Portogallo.

Moncloa**, già con De Guidos e ora con Calviño, vuole uno strumento nuovo e potente. Vi sono molte possibilità, come la modulazione del cofinanziamento a seconda del ciclo in ogni economia nazionale. Un cofinanziamento nazionale dei fondi strutturali. Criteri a breve termine del ciclo nell'allocazione delle risorse, tenendo conto dell'evoluzione del PIL, disoccupazione. Tutto ciò che consentirebbe il mantenimento dei livelli di investimento sarebbe ben visto dai paesi che hanno sofferto di più nel recente passato. Un passo avanti che sicuramente non avrà una grande potenza di fuoco all'inizio, ma che pone le basi per il futuro. "Comincerà in piccolo, non sarà il grande bazooka che alcuni si aspettano, comincerà piccolo e dovrebbe crescere", dicono le fonti dell'Eurogruppo.

I più intransigenti tra loro, con l'Olanda sempre in testa, vogliono qualcosa di molto più tiepido. Utilizzare uno strumento già progettato dalla Commissione europea, in particolare per gli investimenti, ma con uno scopo molto più limitato e che comporta la condizionalità. Cioè, aiuto ma sempre in cambio di riforme o aggiustamenti.

In questi mesi di questo periodo, uno strumento di bilancio è stato delineato, sulla base del Quadro Finanziario Pluriennale e di codesti strumenti della Commissione. Finora, le stime parlano di un meccanismo con accesso a circa 17.000 milioni di euro, la quota dei membri della zona euro di 25.000 milioni del progetto originale di Bruxelles. Totalmente insufficienti e ridicoli, perché presuppongono economie in difficoltà, come tra il 2010 e il 2012. Ma un inizio. I Paesi Bassi, d'altra parte, vogliono che sia solo un metodo di controllo, un altro strumento per chiedere e condurre riforme strutturali per i paesi in difficoltà.

"Siamo certi che emergerà la nostra posizione contro uno strumento di controllo, attraverso il quale si impongono riforme in cambio di risorse di investimento", spiegano le stesse fonti spagnole (…). "Non stiamo negoziando con la predisposizione al veto, vogliamo un accordo (...).

"Non poniamo il veto, ma ci rifiutiamo di chiamare strumento di bilancio qualcosa che è solo uno strumento di controllo delle riforme, non lo sosteniamo", insistono (…).

Associato a tutto questo, c'è un secondo problema. Francia e Germania (...) ritengono che  a quei 17.000 milioni dovrebbe aggiungersi un contributo specifico da parte dei membri della zona euro, ancora da definire, con un accordo intergovernativo. Ma questa idea non trova consensi (...).

L'Olanda e i suoi alleati non vogliono la parola intergovernativa, così come hanno posto il veto a termini come la stabilizzazione (lo strumento si chiama Convergenza e Competitività) o la mutualizzazione, perché non vogliono nulla che assomigli all'integrazione, indipendentemente da come sia. Anche qui la questione è aperta, i tecnici non hanno fatto progressi sufficienti, tutto è nelle mani dei ministri. "Ci sono discussioni sul fatto che lo strumento sia per le riforme, gli investimenti o entrambi." Stabilizzazione? "Gli investimenti faranno parte dello strumento, anche se si sta ancora dibattendo. Non si discuterà a livello dirigenziale la prossima settimana, perché sono sicuro che i ministri raggiungeranno un certo accordo ", spiega un'alta fonte europea.

 

Traduzione dallo spagnolo di ASI - https://www.elmundo.es/economia/macroeconomia/2019/06/12/5d014e52fc6c834f178b4684.html

*13 giugno 2019.
**Palazzo della Moncloa, sede della Presidenza del Governo a Madrid.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.