medioriente copy(ASI) Negli ultimi anni, anche per via della crescita della produzione cinese, è aumentato in Medio Oriente l’uso di droni. Lo riferisce il rapporto Rusi, Royal United Service Institute secondo cui i paesi che hanno acquistato più droni armati sono Giordania, Iraq, Arabia Saudita e Emirato arabi uniti mentre paese come Israele, Iran e Turchia hanno aumentato la produzione locale.

 

La Cina è riuscita ad inserirsi in questo mercato offrendo prezzi più bassi rispetto agli Usa.

In base al rapporto Rusi, intitolato Droni armati in Medio Oriente, è stato evidenziato come quelli di produzione cinese permettono ad alcuni paesi posti sotto embargo da parte degli Usa di dotarsi ugualmente di questi velivoli e per giunta ad un prezzo più basso.

Turchia ed Emirati hanno utilizzato i droni per condurre operazioni dove la situazione avrebbe potuto essere rischiosa per piloti in carne e ossa; mentre l’Iran ha sviluppato l’utilizzo di droni per poter aggirare le sanzioni Usa e ammodernare le dotazioni delle proprie forze armate.

Da aprile il presidente statunitense Donald Trump ha rivisto le politiche restrittive in merito al commercio di droni con i paesi mediorientali e secondo i curatori del rapporto ciò potrebbe incidere sul mercato regionale.

Fabrizio Di Ernesto - Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.