emergenzasanitariatoscana(ASI) E' di oggi la notizia che negli ospedali toscani mancano 2260 tra medici e infermieri ed anche che i pronto soccorso sono al collasso. Dunque, è ancora una volta ufficiale che la politica sanitaria portata avanti (ma sarebbe più corretto dire “portata indietro”) dal laureato in filosofia Enrico Rossi, per dieci anni come assessore alla sanità e per altri dieci come presidente della Toscana, ha prodotto conseguenze negative e potenzialmente pericolose per la salute dei toscani.

Invece di privilegiare le assunzioni di personale sanitario, ha preferito gonfiare a dismisura gli apparati amministrativi dei vari enti regionali dove sono proliferate poltrone e poltroncine da dirigente la cui indispensabilità è tutta da dimostrare. Ovviamente, le sue discutibili scelte hanno favorito il proliferare di strutture sanitarie private alle quali occorre rivolgersi per supplire alle carenze della sanità pubblica. Comunque, la sua lunga permanenza in Regione non è stata del tutto inutile perché è servita almeno a certificare che i toscani sono, in maggioranza, un popolo di masochisti. Peccato, perché sono sicuro che in Toscana si potrebbe vivere tutti molto bene se … .

Gennaro (Roberto) Ceruso - un cittadino indignato
 
 
 
 
 
 
 
* Nota,  ASI precisa: la pubblicazione di un articolo in tutte le sezioni del giornale  non ne significa necessariamente la condivisione dei contenuti. Essi - è bene ribadirlo -  rappresentano pareri, interprestazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, la responsabilità sono dell'autore  delle dichiarazioni  e/o  di chi  ci ha fornito il contenuto.  Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.
 
 
 
 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.