(ASI) Milano - Berlusconi mi consnta, ma Francesco Sicignano proprio no. Lettera aperta per il Presidente Silvio Berlusconi.

 

Caro Presidente, Ti inoltro questa lettera per comunicarti
il mio dispiacere nel vederti "superato", sia in termini di percentuale elettorale, sia in termini di immagine, da altri esponenti del centro destra, tra i quali spicca mirabilmente Matteo Salvini e da chi, nel nostro partito , cerca di emularlo.
Consentimi (uso il verbo "consentire" a te tanto caro , divenuto ormai identificativo del tuo personaggio) di suggerirti che, per ripartire, bisogna mettere in moto nuove idee e proposte .
Il tuo alleato della Lega ha al suo attivo, senz'altro, un progetto politico chiaro, che riscuote parte del consenso popolare, mentre Forza Italia è divenuta solo una piccola ruota del carro del centrodestra.
Non è il caso di copiarlo candidando come consigliere comunale nelle liste di Forza Italia alle prossime elezioni amministrative Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda che un mese fa ha ucciso un ladro che si è introdotto nella sua villa.
Caro Presidente, cosa sta succedendo? Perchè ci stiamo sempre più' 'salvinizzando' come se noi , da un giorno all'altro, non fossimo piu' capaci di lanciare nuove idee e nuove proposte?
Ti chiedo il perchè di questa assurda idea di candidare Francesco Sicignano.
Non è il caso di annulare tale proposta a meno che tu non sia d'accordo con questa assurdita' ?
Lasciamo fare queste scelte alla Lega o a Fratelli d'Italia : non facciamole noi!
Devi tener presente, per ripartire alla grande, che un centrodestra moderato non esiste e che tu puoi ricrearlo e questo mi pare il modo sbagliato.
E' questa necessità , ossia il ricreare un centrodestra moderato, il tuo punto di forza !
Allora cosa aspetti ?
Crealo e vedrai che giungeranno tanti consensi , tanti da farti correre politicamente da solo !
Non è strategico allearsi a chi non la pensa come noi.
Come mai, proprio tu, uomo della comunicazione, rimani in silenzio , lasciando il partito Forza Italia in balia delle onde , una barca sospinta
dal vento , che va avanti solo per inerzia ?
Comunicare idee nuove che diano risposte ai bisogni concreti del popolo italiano è l'unica vera strategia politica vincente e tu non puoi non
saperlo!
Consentimi anche di scriverti che sei ancora l'unico in grado di avvicinare quelli che non votano.
L'anima popolare del centrodestra moderato e democratico nessuno la esprime più, né tu vuoi più esprimerla, perché?
Consentimi di suggerirti che un mondo nuovo è possibile disegnarlo con la magnificenza delle idee e realizzarlo con l'audacia dell'azione politica.
Ma tu questo lo sai!
Tutti i cittadini italiani attendono chi accolga i propri bisogni e li difenda .
Perché non lo fai tu?
Si può osservare, difatti, che nessuno più interpreta le esigenze reali dei cittadini , quasi la vita politica fosse scollegata dalla vita reale .
Da qui nasce lo smarrimento dei cittadini e tutta quella sfiducia, che "riciclata" può realmente diventare la forza motrice del tuo rinnovato
impegno politico.
Caro Silvio, mi sono permesso di darti del tu perché ti ritengo un amico.
Mi auguro che tu possa accogliere il contenuto di questa mia lettera con quel sorriso che ti caratterizza quando una cosa ti fa piacere, quel
sorriso, consentimi, che, da un po' di tempo, non vedo più sul tuo volto.
I tuoi elettori sono ancora tanti , non li tradire accodandoti alle idee di una destra lontana dalla mentalità italiana.
La storia italiana , quella contemporanea - non vi è dubbio - ha visto il trionfo delle idee dei cittadini che hanno difeso la democrazia .
Con affetto e profonda stima
Il tuo amico,

Biagio Maimone

Ufficio Stampa e Comunicazione
www.maimonecommunication.com

 

===================

*ASI precisa: la pubblicazione delle lettere in redazione non significa necessariamente condivisione dei contenuti delle stesse, che lo ribadiamo: rappresentano pareri e posizioni esclusivamente personali,  per cui ASI declina ogni responsabilità.  Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.