Economia

(ASI) Avvio al rallentatore per il 2019. L’inflazione frena e conferma la debolezza del mercato interno: il calo segnato dall’indice dei prezzi a gennaio – il secondo consecutivo – è dovuto ad una domanda purtroppo ancora stagnante. In questo contesto, è probabile che il tasso di inflazione continui a decelerare per tutto l’anno, scendendo sotto la soglia dell’1%, in netto calo rispetto all’1,2% previsto dalla nota d’aggiornamento del DEF. Un segnale che lascia presagire un anno difficile per i consumi.

giapponeue copy(ASI) Roma - “L’entrata in vigore dell’accordo di libero scambio Ue-Giappone apre nuove opportunità per le imprese”. Cosi la vice Presidente per l’internazionalizzazione di Confindustria Licia Mattioli. “L’export industriale ha trainato la ripresa del Paese fino a quando ve ne sono state le condizioni, con tassi di crescita formidabili come il 7,4% registrato nel 2017, ma dallo scorso anno il rallentamento economico globale e le tensioni protezionistiche stanno depotenziando questa leva.

confindustria copy(ASI) L’Italia perde colpi ipotecando il 2019. I dati negativi in Italia nella seconda metà del 2018, aritmeticamente, contano molto nel calcolare la crescita annua del PIL nel 2019: il “trascinamento” è -0,2%.

iìtasrb(ASI) Nel 2018 gli scambi commerciali tra Italia e Serbia hanno superato, per la prima volta, la soglia dei 4 miliardi di euro: è questa la novità emersa ieri dalla pubblicazione dei dati consolidati sul commercio estero da parte dell’Ente Statistico serbo, che ha registrato – per l’anno appena conclusosi - un interscambio tra Roma a Belgrado pari a 4,03 miliardi di euro.

(ASI) L’incerta situazione economica frena anche le cooperative che in controtendenza rispetto alla media degli ultimi anni nel 2018 perdono quasi tremila posti di lavoro con un calo dello 0,2% pur continuando a occupare oltre un milione e 278mila persone a livello nazionale di cui il 95% assunte in modo stabile.

confesercenti copy(ASI) Roma -  “Incertezza tra i principali ostacoli alla crescita, servono interventi mirati a partire da fisco e credito. L’approvazione della manovra sembra aver restituito un po’ di fiducia alle famiglie, ma il rallentamento economico in atto - internazionale ed italiano - spaventa le imprese. Che iniziano a temere che l’attuale fase di stagnazione possa precipitare in una nuova recessione, a partire dai consumi interni".

(ASI) Preoccupa il calo della fiducia delle imprese in Italia che nel 2019 registra il peggior dato di gennaio degli ultimi cinque anni con un valore di 99,2 crollato di 6 punti dal picco di giugno 2018.  E’ quanto afferma Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, in relazione agli ultimi dati Istat sull'indice di fiducia che, ad eccezione delle costruzioni, diminuisce in tutti i settori trainato al ribasso da un diffuso peggioramento sia dei giudizi sia delle aspettative sulla situazione economica.

(ASI) I prezzi della benzina sono cresciuti del 75,9% negli ultimi venti anni con il 2018 che fa segnare una media di 1,599 euro al litro contro lo 0,909 euro al litro del 1998. E’ quanto emerge da un’analisi di Uecoop, l’Unione europea della cooperative, su dati del Ministero dello sviluppo economico dalla quale emerge che la spallata dei rincari record nel ventennio riguarda anche il diesel con +47,7% arrivato a 1,488 euro litro e il GPL con +49,9% che adesso supera lo 0,673 euro al litro.

idealavoro(ASI) "Dai micro ortaggi nell’orto del futuro ai capi alla moda realizzati con tessuti anallergici ricavati dalla lana di alpaca allevati sotto casa, dai cosmetici di pregio ricavati interamente da scarti di vinacce frutto della collaborazione con il grande tenore Andrea Bocelli fino alla Spa delle api che offre l’esperienza unica di rilassarsi trascorrendo momenti indimenticabili tra le cellette dell’arnia sdraiati su un letto di fieno alpino, respirando i profumi dell’alveare.

confindustria copy copy copy(ASI) Roma – Saranno poco meno di 193mila i posti di lavoro a disposizione nel prossimo triennio (2019-2021) nei settori della meccanica, dell’ICT, dell’alimentare, del tessile, della chimica e del legno-arredo, sei tra i settori più rilevanti del Made in Italy.

confindustriatoscana.jpg(ASI) Roma - Sostenere l'insediamento e consolidare la presenza di investimenti esteri in Toscana: questo l'obiettivo del protocollo d'intesa fra Confindustria, Regione Toscana, e Confindustria Toscana firmato oggi a Firenze, a Palazzo Strozzi Sacrati.

(ASI) Con un fatturato stimato in 15 miliardi di euro all’anno la pizza si conferma un tesoro del Made in Italy simbolo del successo della dieta mediterranea nel mondo.

Pagina 6 di 100

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.