istat3(ASI) Decisamente troppo rosee le previsioni appena diffuse dall’Istat in merito alla crescita nel nostro Paese. L’Istituto di Statistica parla di “prospettive di miglioramento dell’attività economica per i prossimi mesi” ma si tratta di una deduzione che non riteniamo possa corrispondere alla realtà.

I dati parlano chiaro: dal 2012 ad oggi la domanda interna ha subito una contrazione del -10,8% (pari ad una minore spesa di circa 76,7 miliardi di Euro) e le famiglie, a causa dell’elevatissimo tasso di disoccupazione, sono costrette a farsi carico di figli e nipoti senza lavoro, con una spesa di circa 450 Euro al mese. Inoltre negli ultimi mesi sono stati sì riscontrati alcuni segnali incoraggianti ma questi stessi dati sono ancora troppo incerti, discontinui e altalenanti per poter essere considerati come evidenze di uscita dalla crisi.

“Non bastano dei valori positivi sparsi qua e là per poter cantare vittoria e inneggiare alla ripresa” – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

Il nostro sistema economico non riesce ancora ad emergere dalle criticità che lo attanagliano ormai da anni. E’ necessario imprimere una svolta e guardare avanti, puntando con decisione verso lo sviluppo e intervenendo per rilanciare il mercato occupazionale.

Ribadiamo l’urgenza di un Piano Straordinario per il Lavoro che preveda opere di modernizzazione delle infrastrutture, di valorizzazione dell’offerta turistica e di messa in sicurezza antisismica nonché investimenti per innovazione e ricerca.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web: Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.