gerry turano(ASI) Alla “Sacripante art Gallery”del Rione Monti, nel Centro storico di Roma, in quella stessa Via Panisperna celebre. negli anni ’30- ’40, per i rivoluzionari esperimenti di fisica atomica  di Enrico Fermi  e degli altri scienziati del suo gruppo, ha avuto ultimamente  particolare successo  “Evidenze inevidenti”: mostra personale di disegno, pittura e scultura dell’artista Gerry Turano.                                                                                                                                           

Chi è Gerry Turano? Un artista  (classe 1962), siciliano di Palermo ma cresciuto a Ribera (Agrigento), nato sostanzialmente da autodidatta, sulla base di una spiontanea passione per l' arte ,e diplomatosi poi in Grafica pubbliicitaria e Art design all’ Istituto Europeo di Design di Roma. Accanto ala professione nel campo della comunicazione di impresa,  Turano si dedica fortemente all’arte: con la cura del critico d’arte Aurelio Tommaso Prete,.  nel 1984 realizza la sua prima importante mostra presso l’ Internationale Burckhardt Akademie di Roma.

Seguono, negli anni suuccessivi, altre mostre personali, in sedi importanti come, in Italia,  il Museo di Villa Torlonia- Casina delle civette (2005) , il “Quartier generale” della FAO e, a Napoli, il Chiostro di S. Agostino; e, Oltralpe, il Palazzo Italia a Berlino e , nel 2015-’16, la White Dot Gallery di Miami. Nel 2012, si aggiudica il Premio “La Lupa per l' Arte Contemporanea”, e nel 2013 la menzione speciale al concorso “Artists & Authors- Talent Prize” al Louvre di Parigi.

Se parliamo di questo artista, è perché si tratta di un talento poliedrico, che coltiva pressochè tutte le tecniche figurative, unendo ( un po’ come il conterraneo Pirandello, diremmo) una spiritualità e sensibilità mediterranee a una formazione e a una competenza  spiccatamente nordeuropee. Anche narratore di racconti ( presente in varie antologie e pubblicazioni), Turano nel disegno, anzitutto, vanta uno stile personalissimo; che riesce a coniugare, al tempo stesso, la grafica del futurismo italiano ( da Depero a Boccioni), l’espressionismo tedesco e sinanche certe creazioni di Jacovitti. Temi preferiti, motivi postmoderni ma anche neobarocchi, con ampio uso di spirali e volute, allegorie templari e tracciati cabalistici ed esoterici.

 Alla mostra alla “Sacripante Art Gallery”, sono stati esposti parecchi disegni del genere. Insieme a quadri fatti con matite e acrilici su collage su tavola e su cartone, e a singolarissime sculture e bassorilievi  in cui certe suggestioni classiche, etrusche o addirittura villanoviane (come nella scultura “Elmetto terrestre”, 2007) si affiancano ad argille e terrecotte che, con l’affollarsi di motivi vagamente architettonici,  danno l’idea delle città-megalopoli odierne, protese in una corsa affannosa verso un futuro di cui nessuno, oggi, può avere un’idea precisa. 

 Sullo sfondo  generale dell’opera di Turano aleggia sempre - tra Pirandello e Sciascia – un siciliano interrogarsi sul destino dell’uomo e sulla funzione sociale dell’arte.  
 
Fabrizio Federici per Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.