tortura(ASI) Interrogatori condotti con metodi prossimi alla tortura. Prigionieri lasciati senza potersi fare una doccia per settimane. Carcerati costretti a mangiare cibo scadente, spesso andato a male, ed in porzioni nemmeno sufficienti per sfamare una persona.

Non stiamo parlando di ciò che avviene nelle prigioni della Siria o della Corea del Nord, ma di ciò che avviene, ampiamente documento e più volte denunciato, nelle carceri del civilissimo, così dicono, Stato di Israele ai danni dei prigionieri palestinesi.

Questoè quanto emerge dal rapporto "Tortura in Israele" realizzato dalle associazioni umanitarie B'Tselem e HaMoked e portato in Italia dalla casa editrice Zambon. Un testo che riporta le dichiarazioni di 116 palestinesi arrestati di notte dagli uomini dell'IDF, l'esericito di Tel Aviv, a cui sono stati negati i più elementari diritti umani garantiti a tutti i prigionieri in tempo di pace e guerra.

Le dichiarazioni raccolte nel volume, tutte di cittadini non accusati di aver commesso un preciso reato ma, che sono stati solo sospettati, riportano alla mente le immagini relative agli abusi compiuti ad Abu Graib e Guantanamo dai militari statunitensi, non a caso paese legato a doppio filo ad Israele. Usa ed Israele chesono considerate ledue più grandi democrazie al mondo.

Il libro riporta anche le numerose denunce sporte all'autorità giudiziaria israeliana e le tante norme di condotta emanate in merito al rispetto dei prigionieri eppure nella realtà dei fatti le forze di sicurezza israeliane continuano ad abusare a livello fisico e mentale dei prigionieri, cui spesso è negato perfino il sonno; alcuni detenuti hanno raccontato come alcuni secondini battessero violentemente sul muro non appena prendevano sonno, oppure di casi in cui una forte luce veniva lasciata accesa notte e giorno per il solo gusto di infastidirli.

A rendere il quadro ancora più drammatico e preoccupante il fatto che circa un terzo degli intervistati abbia raccontato come le violenze siano iniziate già al momento dell'arresto, in alcuni casi ai fermati non è stato concesso nemmeno di preparare una valigia o di salutare i propri cari.

Anche il resoconto degli interrogatori lascia perplessi e getta più di un dubbio sulla umanità dei funzionari israeliani. Spesso per convicere i fermati a parlare gli inquirenti minacciavano di abbattere la loro casa.

La casa editrice Zambon ha deciso di pubblicare in lingua italiana 116 testimonianze che aprono uno squarcio su una drammatica realtà poco nota alla opinione pubblica. Un libro che sicuramente farà riflettere e che invita ad approfondire meglio la questione. Di certo, non piacerà ai politicamente corretti e buonisti, ai difensori, senza se e senza ma, d'Israele, a tutti quelli che considerato lo Sato ebraico "l'unica democrazia del Medio Oriente".

Fabrizio Di Ernesto - Agenzia Stampa Italia

A cura di B'Tsele, Tortura in Israele, Zambon editore, pagg. 120. 12,00 euro

torturais

 

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.