(UNWEB) MONTEFALCO – Una ricerca dell’imperfezione perfetta, della foto talmente “vera” da sembrare quasi costruita o posata. Si intitola “Io e te” la mostra del fotografo perugino Claudio Montecucco che sarà inaugurata sabato 15 aprile al Complesso museale di San Francesco, che riflette il rapporto simbiotico che inevitabilmente viene a crearsi tra il fotografo e l'inconsapevole soggetto. Un rapporto chiaramente unilaterale, che mai sarà corrisposto ma che risulterà essere il denominatore comune di ogni singolo scatto.


La mostra, a cura di Luigi Petruzzellis e in collaborazione con Nami Namsrai è realizzata da Sistema Museo e dal Comune di Montefalco e rappresenta un'utile occasione per fornire uno sguardo ampio sulla produzione artistica di Montecucco, basata su uno stile che mira a reinterpretare in chiave moderna la fotografia classica d'autore.
Con la mostra “Io e te”, che rimarrà allestita fino all’11 giugno, il fotografo perugino Claudio Montecucco torna così ad esporre in Umbria al termine di una serie di rassegne che hanno portato le sue opere in importanti consessi nazionali e internazionali, tra i quali il Fotofever Art Fair di Parigi 2015 (tenutosi all’interno del celebre Museo del Louvre) e il Vogue Photo Festival di Milano 2016. In queste occasioni il fotografo è stato ambasciatore di Perugia e dell’Umbria, set ideali che fanno da sfondo alla maggior parte dei suoi scatti, e dei quali Montecucco mette in evidenza aspetti inconsueti e poco conosciuti.
Uomo di strada, come si definisce lui stesso, Claudio Montecucco ama trascorrere le proprie giornate osservando la vita che scorre nelle vie e nei vicoli delle città. E' in questi contesti dinamici e mutevoli che si svolge la sua ricerca artistica, una ricerca spasmodica, a tratti maniacale, profondamente sentita. Nelle sue foto si avverte come preminente il voler fare emergere la carica emotiva dei soggetti scelti; la sua è una fotografia strettamente personale, frutto non di un vezzo artistico ma del bisogno di condensare in uno scatto sensazioni ed emozioni che altrimenti andrebbero perse. L'importanza riservata a questo aspetto è totalizzante e condiziona in maniera irreversibile ognuna delle immagini create: le sgranature, le messe a fuoco particolari, i tagli spesso anomali, nascono e sono espressione compiuta della sua più intima sensibilità.
Sceglie con cura Montecucco, non lascia nulla al caso; queste persone ispirano inconsapevolmente il fotografo semplicemente compiendo azioni della routine quotidiana come ad esempio camminare, leggere un libro, salire su una macchina, in maniera cosi naturale da riflettere intensamente all’esterno la loro carica interiore. Sono persone autentiche, che non stanno indossando maschere o recitando un ruolo. Una volta individuato il soggetto è necessario studiarne a fondo le abitudini, i percorsi compiuti, gli atteggiamenti, mettendoli in relazione con il contesto, con le luci, le ombre, le architetture che fanno da scenario a questi scatti; nella costruzione della foto non sono essenziali i volti, che di fatto risultano quasi sempre elementi secondari.
Uno studio così sistematico è fondamentale per riuscire a cogliere il dettaglio che fa la differenza; solamente dopo aver acquisito tutti gli elementi Montecucco scatta, e la poesia prende forma: il lavoro di ore, giorni o addirittura mesi di osservazione è racchiuso in un attimo, un unico, fondamentale, fatidico click. Non c'è tempo per la posa, la macchina arriva sempre in ritardo rispetto al cuore, all'emozione dell'istante.

BIOGRAFIA
Nato a Perugia, Claudio Montecucco si diploma come tecnico delle industrie meccaniche e acquisisce la qualifica triennale di designer industriale CAD. Iscritto alla Facoltà di Architettura di Firenze, dopo alcuni esami abbandona gli studi per lavorare nella gioielleria di famiglia come designer di gioielli e per proseguire gli studi di pianoforte. Amante di ogni forma d'arte, cita volentieri gli autori in cui si riconosce come Albert Einstein (''La fantasia è più importante della conoscenza”), Marguerite Duras (''Quello che mi aiuta a vivere è l'istante"), Robert Doisneau (''Quello che cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo dì ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere"). Uomo schivo e poco incline ad apparire, Montecucco ha iniziato a fotografare (prevalentemente immagini di architettura) solo da alcuni anni quando ha capito che la fotografia gli permetteva dì esternare qualcosa di fortemente personale. La sua ricerca è quella del cosiddetto "istante inafferrabile", quello che vorrebbe catturare ogni giorno camminando per strada con la sua macchina fotografica.

MOSTRE PRINCIPALI
MIA Photo Fair 2017, International photography and moving image art fair. Milano, 10-13 marzo.
“In Cammino”, Galleria Paola Sosio Contemporary Art. Bormio, 27 dicembre 2016-30 marzo 2017
“L'intimita'”, Museo MuSA, Museo Storico Ambientale. Pesaro, 8 dicembre 2016-30 marzo 2017
VOGUE PHOTO FESTIVAL. Milano, 22-27 novembre 2016
"MIA Fair 2016". Milano, 28 aprile-2 maggio 2016 (Galleria Romberg)
“Fotofever, Carrousell du Louvre”. Parigi, 12-15 novembre 2015 (Galleria Romberg)
"MIA Fair 2015". Milano, 10-13 aprile 2015 (Galleria Blanchaert)
"In Cammino". Palazzo Penna Museo Civico di Arte Contemporanea. Perugia, 9-29 marzo 2015
"MIA&D Fair 2014". Singapore, 23-26 ottobre 2014 (Galleria Blanchaert)
"MIA Fair 2014". Milano, 23-25 maggio 2014
"Perugia in Cammino". Palazzo Penna Museo Civico di Arte Contemporanea. Perugia, 21 dicembre 2013-6 aprile 2014
"Umbrialibri 2013". Palazzo Penna Museo Civico di Arte Contemporanea. Perugia, 7-10 novembre 2013
"Leggere Perugia". Ex Chiesa di Santa Maria della Misericordia. Perugia, 22 giugno-14 luglio 2013

INFORMAZIONI
Complesso Museale di San Francesco
Via Ringhiera Umbra 6, Montefalco
www.museodimontefalco.it www.sistemamuseo.it
Orari di apertura:
Aprile/Maggio, aperto tutti i giorni dalle 10.30 alle 18.00
1/11 Giugno, aperto tutti i giorni fino alle 19.00

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.