Cronaca

(ASI) Sarebbe di almeno dieci morti e di un numero elevatissimo di feriti il bilancio del "venerdì della collera", la giornata di proteste indetta dalla popolazione egiziana per chiedere le dimissioni del Governo.

(ASI) Si è conclusa oggi la giornata di sciopero generale indetta dalla Fiom.

BASTA MORTI PER USURA!

Basta morti per mano dell’usura bancaria!

(ASI) Sembrano dilagarsi a macchia d'olio le proteste che, nate in Tunisia, sono arrivate fino allo Yemen. Oggi infatti, nella capitale yemenita Sana'a, più di sedicimila persone hanno sfilato in cortei per protestare contro la gravosa condizione economica in cui versa il Paese e per chiedere le dimissioni del presidente Ali Abdullah Saleh, in carica dal 1978.

(ASI) Oggi al Cairo le autorità hanno bloccato l'accesso ad internet, fonte di organizzazione e scambio dati per i manifestanti che si sono apprestati nuovamente a scendere in piazza per il "venerdì della collera".

(ASI) Sono quattordici le persone in custodia cautelare nell'ambito dell'indagine "rifiuti" a Napoli e in Campania, di cui otto in carcere e sei ai domiciliari.

(ASI) Oggi dal palco di Bologna, tappa finale della manifestazione indetta dalla Fiom all'indomani della vertenza Fiat e che anticipa quella nazionale di domani, Maurizio Landini, segretario nazionale della Federazione impiegati operai metalmeccanici, ha affermato di essere più che soddisfatto dalla risposta eccezionale che la popolazione ha dato al corteo.

(ASI) Continua ad inasprirsi la situazione egiziana; dopo le centinaia di persone arrestate durante le manifestazioni di ieri, per il terzo giorno consecutivo la popolazione è scesa in piazza per costringere il Presidente Hosni Mubarak, a rassegnare le dimissioni.

(ASI) Lascia sgomento l'articolo pubblicato dall'IRIB circa il tasso di suicidi tra soldati americani impegnati in Iraq e Afghanistan.

(ASI) Oggi a Tunisi nuovi cortei sono scesi in piazza ingaggiando scontri con le forze dell'ordine; i contestatori asserragliati intorno agli uffici del Governo sono stati dispersi con gas lacrimogeni.

(ASI) Sembra essere tornata la calma nelle strade del Cairo dopo le manifestazioni di ieri; nella giornata infatti centinaia di persone si sono riversate nelle piazze a per chiedere le dimissione del presidente Hosni Mubarak, in carica da trent'anni e per protestare contro la grave crisi economica che attanaglia il Paese.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.