ugai(ASI) Roma - L'Unione Giornalisti Aerospaziali Italiani (UGAI) ha rinnovato le cariche sociali. Il presidente uscente, Giuseppe Gulletta, vicepresidente INPGI, è stato riconfermato nella carica.

I membri del nuovo Consiglio direttivo sono: vicepresidente vicario Roberto Mostarda (Wall Street International Magazine); vicepresidente Carlo Landi (presidente Volare Sicuri); segretario Luciano Castro (presidente Roma Drone); tesoriere Eugenio Sorrentino (addetto stampa SACBO); Orazio Aleppo (caposervizio Rai Tgr Sicilia); Fabrizio S. Bovi (Fondazione 8 Ottobre); Carlo Parisi (FNSI). I revisori dei conti sono: Bruno Stella, Massimo Ferrari e Dino Frambati.L'UGAI è un gruppo di specializzazione della Federazione Nazionale della Stampa (FNSI) e riunisce i giornalisti professionisti e pubblicisti italiani cultori del settore aerospaziale. L'UGAI fu costituita nel 1957, in coincidenza con la messa in orbita dello Sputnik I, il primo satellite artificiale costruito dall'uomo. "Non è un caso – ha sottolineato il presidente Gulletta – che la nostra Assemblea annuale sia coincisa con un altro evento astronautico di elevato valore simbolico come lo sbarco su Marte della sonda-laboratorio InSight, alla cui realizzazione ha contribuito in modo significativo il nostro Paese".
L’Assemblea elettiva dell’UGAI, che ha avuto luogo presso la sala conferenze della Casa dell'Aviatore a Roma, è stata preceduta da un convegno sulla sinergia tra il trasporto aereo e ferroviario e dalla presentazione dei programmi dell’Aeronautica Militare nel settore aerospaziale e del volo suborbitale.

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2018 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.