(ASI) La polizia svedese ha confermato oggi che le due esplosioni che ieri, 11 dicembre, nella zona centrale di Stoccolma hanno ucciso una persona e ferito altre due causando panico tra la folla, sono state un attacco terroristico.

 

La polizia svedese ha confermato oggi che l’esplosione della notte scorsa è stato il risultato di un “terrore criminale”. Stiamo tuttora investigando ma ci sono pochi dubbi sul fatto che questo sia stato un attacco terroristico. In questa situazione stiamo alzando i massimi livelli di sicurezza, ha detto il portavoce della polizia Anders Thomberg.

Come si legge sui quotidiani Local e Stockholm News, il Ministro degli Esteri Carl Bildt ha rilasciato un messaggio su Twitter: “Il più pericoloso tentativo di attacco terroristico nell’affollata parte centrale di Stoccolma. Ha fallito, ma avrebbe potuto essere catastrofico.”

Un’agenzia stampa svedese ha detto di aver ricevuto una mail minatoria poco prima dell’esplosione, nella quale si parlava di una minaccia che sarebbe stata fatta contro la popolazione svedese, collegata all’impegno militare della Svezia in Afghanistan e con il caso della caricatura del profeta Maometto fatta cinque anni fa dall’artista Lars Vilks.

L’agenzia TT ha detto che la mail, che conteneva file sonori in svedese e arabo, è stata inoltre inviata alla polizia svedese ed è stata ricevuta 10 minuti prima dello scoppio.

La prima esplosione ha causato il panico nell’affollata via di Drottinggatan intorno alle 4 e 30 del pomeriggio ora locale, quando un’auto contenente una bombola di gas ha bruciato in fiamme, causando il ferimento di due persone. Alla domanda se un uomo trovato morto presso il sito della seconda esplosione, a circa 300 metri di distanza, si fosse fatto esplodere, il portavoce della polizia Kjell Lindgren ha detto: "E 'possibile". Il giornale svedese Aftonbladet ha riferito che l’uomo stava portando bombe artigianali, così come uno zaino pieno di chiodi, anche se questo non è stato confermato dalle autorità.
Un testimone oculare intervistato dal quotidiano Dagens Nyheter ha detto che qualcosa sarebbe  stato fatto saltare in aria contro l’addome dell’uomo. Non presenta ferite sul viso e i negozi intorno a lui non sono stati danneggiati. Il testimone oculare, un paramedico identificato solo come di Pascal, ha detto di aver rimosso una "sciarpa palestinese" dal volto dell'uomo, nel tentativo di liberare le sue vie respiratorie. Accanto al corpo dell'uomo c’era un pezzo di tubo di metallo.

Gabriel Gabiro, un dipendente della Associated Press, era invece all’interno di un negozio nel lato opposto della strada quando è avvenuta la seconda esplosione e ha visto le persone correre dall’altra parte. "C'era un uomo steso a terra con il sangue col sangue che fuoriusciva dalla zona dell’addome, e con i suoi oggetti personali sparsi intorno a lui." “L’esplosione ha scosso il negozio dove mi trovavo” ha detto a proposito dell’esplosione. “Poi è cominciato ad entrare fumo e polvere da sparo all’interno del negozio”. La Svezia, che finora non ha avuto grandi attacchi terroristici del tipo di quelli subiti dalla Gran Bretagna nel luglio 2005 e dalla Spagna nel marzo 2004, ha alzato il livello di minaccia allarme terrorismo da bassa ad elevata, già nel mese di ottobre a causa di un "cambiamento di attività" pervenuto ai servizi di intelligence. Comunque i servizi di sicurezza svedesi hanno detto che in questo momento la minaccia di terrorismo rimane relativamente bassa se comparata con  quella di altri paesi Europei e che non sembrerebbero esserci attacchi imminenti.

“La nostra azione parlerà per tutti” è scritto nell’email di minaccia. “Adesso i vostri figli, fratelli e sorelle moriranno come stanno morendo i nostri fratelli e sorelle.  Lo sconosciuto mittente si riferisce al silenzio della Svezia sul ritiro delle proprie truppe dall’Afghanistan e sulla controversa caricatura fatta da Lars Vilks, che rappresentava il profeta Maometto con il corpo di un cane. Si legge ancora “finché non finirà la vostra guerra contro l’Islam e l’umiliazione contro il profeta e il vostro stupido appoggio al maiale Lars Vilks.

Circa 500 soldati dell’esercito svedese stazionano ancora in Afghanistan, principalmente nella zona del nord del paese. Elementi in Somalia, collegati con Al Qaida, stanno inoltre reclutando giovani musulmani provenienti dalla Svezia per combattere la guerra nel Corno d’Africa, hanno confermato i servizi di sicurezza.

Il Primo Ministro svedese Fredrik Reinfeldt, il mese scorso ha delineato i piani per il ritiro dell’esercito svedese dall’Afghanistan tra il 2012 e il 2014 e per mantenere un supporto ai civili nel periodo successivo. “Il nostro impegno è quello di trasformare la presenza svedese in Afhanistan da un ruolo combattivo a un ruolo di supporto” ha detto. Il piano di ritiro delle truppe è stato l’oggetto delle trattative tra il governo di centro destra di Reinfeld, che è caduto in minoranza lo scorso settembre, e i partiti di opposizione, il sostegno dei quali è stato fondamentale per approvare il bilancio per finanziare la missione. Un sondaggio rilasciato dopo che un soldato svedese è stato ucciso nel mese di settembre scorso, il quinto da quando le truppe sono state dispiegate in Afghanistan nel 2002, ha mostrato che quasi la metà degli svedesi vorrebbero il ritiro delle truppe.