(ASI) Viareggio  - «I vigili del fuoco che 5 anni fa sono intervenuti nell’immediatezza dell’incendio che è seguito al deragliamento del treno di Viareggio hanno evitato, con grande rischio per la vita, che l’incendio coinvolgesse le altre 13 cisterne di Gpl che si trovavano sullo stesso treno.

Oggi piangiamo 32 vittime ai cui familiari siamo vicini, ma va ricordato che senza il coraggio di quei pochi vigili del fuoco gran parte di Viareggio sarebbe stata rasa al suolo».

Ad affermarlo è Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, uno dei maggiori sindacati dei vigili del fuoco, che nel giorno del quinto anniversario della strage ferroviaria di Viareggio, coglie l’occasione per puntare il dito contro i tagli ai vigili del fuoco e alla sicurezza che – dice - «rischiano di essere un boomerang per i cittadini, in quanto tagliare le assunzioni nei vigili del fuoco equivale a non avere certezza dell’immediatezza degli interventi». «Il premier Renzi ed il ministro Alfano sblocchino le assunzioni nei vigili del fuoco, i costi di un intervento inefficace dei vigili del fuoco sono di gran lunga superiori ai risparmi dovuti al taglio delle assunzioni. Per non parlare poi delle retribuzioni dei vigili del fuoco che sono di gran lunga inferiori rispetto agli altri Corpi dello stato» fanno sapere dal sindacato Conapo.
Redazione Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.