(ASI) Catania  - “Un tagliola indiscriminata a danno dei siciliani. La soppressione del Tar di Catania prevista dl del 24 giugno 2014 oggi pubblicato in GU è un atto scellerato portato avanti da un governo miope dedito agli spot.  In nome di una falsa spending review, la nostra terra sarà privata di un avamposto di legalità che assicurava giustizia ai cittadini e alle imprese.

Se il Parlamento nazionale non correrà subito ai ripari, la sede centrale di Palermo dovrà presto accollarsi gli oltre 55 mila ricorsi pendenti ad oggi gestiti dagli uffici etnei, causando l’ingolfamento della giustizia amministrativa siciliana. Il risultato: tempi di giudizio di gran lunga più lunghi e maggiori costi a carico dello Stato e dei cittadini della Sicilia orientale che dovranno percorrere anche  260 km per raggiungere il capoluogo regionale. L’ordine del giorno proposto da Forza Italia e approvato dall’Ars per scongiurare tale soppressione a nulla è valso, Crocetta è rimasto immobile in attesa della tagliola. Forza Italia proseguirà nella battaglia. In tutte le sedi difenderemo il Tar di Catania dallo scippo renziano”. Lo dichiara l’on. Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia all’Ars.
Redazione Agenzia Stampa Italia